Mosciano Sant'Angelo: storia e arte


Vai ai contenuti

 

 

Le altre chiese

 

 

La chiesa di San Giovanni Battista

La piccola chiesa di San Giovanni Battista fu edificata prima del 1714, data che si trova su un mattone del contrafforte anteriore della parete meridionale, costruito per il consolidamento della struttura. È a una navata con soffitto a capriate e con un peristilio sull’ingresso principale.


La chiesa di Sant’Antonio Abate

La chiesetta fu costruita, insieme alle abitazioni del rione omonimo, negli anni Trenta, per la munifica iniziativa del costruttore edìle Michele Ruffini, che si avvalse della preziosa e gratuita opera di progettazione dell’artista Francesco Patella.


La chiesa di Santa Filomena

La chiesetta campestre, nel 1847, fu intitolata a Santa Filomena dagli eredi di famiglia Palma. Si trova nella contrada denominata, nel 1962, Santa Maria Assunta, dopo che il culto di Santa Filomena fu interrotto per carenza di riferimenti storici dalla Congregazione dei Riti.


La chiesa di S. Rocco

La chiesetta, di origini antiche e intitolata al santo di Montpellier, protettore degli appestati, appartiene alla famiglia Sabatini Sciarroni. Decaduta nel corso dell’Ottocento, fu restaurata nei primi anni del Novecento. La facciata è opera dell’architetto Giuseppe Sabatini, lo stesso progettista del palazzo civico e di villa Ventilj. Completati i lavori di sistemazione dell’interno, con la collaborazione dell’artista moscianese Francesco Patella, fu inaugurata nel 1916.

La chiesa di San Pietro ad Spoltinum

La chiesa, di origine medievale, sorge nella località denominata Borgo Spoltino, in contrada Selva de’ Colli (ora Selva Alta), e appartiene alla famiglia Savini.



Duilio Shu


Torna ai contenuti | Torna al menu