Montone - Mosciano Sant'Angelo: storia e arte

Mosciano Sant'Angelo storia e arte
Title
Vai ai contenuti
Montone

Il toponimo Montone (localmente mëndanë, mëndá, con l’etnico mëndënasë ‘montonese’, pl. mëndënösë, -öscë ‘montonesi’), nominato fin dall'897 "Muntone", è un derivato di monte, latino mons, montis, con allusione all’altura del luogo, anche se modesta, rispetto alla  zona circostante. Situato a 253 metri sul livello del mare in bella posizione con panorama sull’Adriatico e in zona già abitata in epoca romana, conserva il tipico impianto medievale, modellato sulla sommità di un colle, con torri e avanzi di mura. Sul finire del XIV secolo fu soggetto alla famiglia Acquaviva di Atri.

Montone è particolarmente noto per il monumentale  sarcofago  del nobil uomo Bucciarello di Jacopo di Bartolomeo (1390), che si  custodisce nella chiesa di S. Antonio Abate, già cappella dell’antico  convento tenuto nel XVI secolo dai Celestini.
Duilio Shu
© 1999 - 2020 www.moscianostoria.it
Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti